vdas logo home


Società controllata della Regione autonoma Valle d'Aosta

Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Finaosta Spa

ver21

Vallée d’Aoste Structure al Mipim di Cannes

Dal 12 al 15 marzo 2019, Vallée d’Aoste Structure parteciperà alla 30a edizione del Mipim, il Marché international des Professionnels de l’Immobilier che si svolge al Palais des Festivals di Cannes (Francia). Il Mipim è un salone che ha le caratteristiche di un mercato transazionale al quale partecipano come espositori 3.350 società immobiliari e 5.400 investitori immobiliari internazionali da oltre

Cos’è il Mipim

Il Mipim è un salone che ha le caratteristiche di un mercato transazionale al quale partecipano come espositori 3.350 società immobiliari e 5.400 investitori immobiliari internazionali da oltre 100 Paesi. Offre, al contempo, una rilevante possibilità di incrementare la visibilità della propria offerta poiché è visitato da 500 operatori dell’informazione e la documentazione è diffusa complessivamente a 2.200 giornalisti provenienti da 60 Paesi.

La proposta 2019 del Mipim è di immaginare i prossimi trent’anni dal punto di vista di uno sviluppo sostenibile. Anche il settore immobiliare deve assumere parametri nuovi e riconsiderare il suo modo di investire. Quindi gli espositori potranno non solamente proporre ai visitatori i propri stand ma anche interagire tramite una serie di conferenze sul tema Engaging the future, che esploreranno la tematica della responsabilità sostenibile quale catalizzatore di un settore immobiliare in evoluzione. Il livello dell’offerta è testimoniato dal fatto che l’intervento di apertura è stato affidato a Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni unite dal 2007 al 2016. 

Vallée d’Aoste Structure al Mipim

Vallée d’Aoste Structure porterà al Mipim il proprio complesso e variegato patrimonio immobiliare ma soprattutto, nel rispetto del tema proposto dagli organizzatori, tre proposte innovative il cui sviluppo è stato affidato all’architetto Maurizio Varatta. 

Maurizio Varratta, genovese, fino al 1999 ha lavorato con la Renzo Piano Building Workshop srl e poi ha aperto il proprio studio. I suoi lavori spaziano nell’ambito della progettazione architettonica generale (ospedali, edifici produttivi, uffici, ponti, alberghi, stazioni ferroviarie, terminal aereoportuali, centri commerciali, aree di servizio autostradali) interiors design – design (illuminazione, arredi, sanitari, oggetti) e lo space planning. Ha parallelamente svolto attività di docenza al Politecnico di Torino, all’Università La Sapienza di Roma e alla Carleton University di Ottawa (Canada). Tra i suoi clienti: Ansaldo S.T.S. Spa , F.lli Guzzini, Teuco, Fiat Spa, Fiera Milano Spa, Slam Spa, Smeg spa, Pirelli Spa.

Gli edifici presi in considerazione sono stati l’ex-Veralco/Balzano di Verrès, l’ex-Fera di Saint-Vincent e l’ex-Tecdis di Châtillon.

I progetti saranno presentati anche durante una conferenza che si svolgerà nel Padiglione Italia, mercoledì 13 marzo, alle ore 10.30.

ver46Un campus-outlet a Verrès

Questo complesso, che un tempo ospitava lo stabilimento siderurgico Veralco/Balzano, si compone di una serie di edifici industriali e adibiti a servizi. Ha il potenziale per attirare il considerevole flusso di traffico turistico che visita la Valle d’Aosta. L’ipotesi di realizzare un campus-outlet des Alpes punta ad attirare l’attenzione di imprese manifatturiere che operano nei settori sport di montagna, artigianato, ristorazione tradizionale e biologica, trasporto sostenibile, sviluppo e ricerca. Si prevede l’installazione di pareti di arrampicata libera, di percorsi artificiali per mountain bike all’aperto e al coperto e di percorsi di prova per lo sci di fondo. Il progetto comprende spazi dedicati agli eventi, esposizioni fotografiche, riunioni e convegni ma anche uffici, negozi e magazzini. Il complesso utilizzerà l’energia pulita delle centrali idroelettriche della Valle d’Aosta e avrà pannelli solari sui tetti per coprire parte del suo fabbisogno energetico.

sv7Natura market a filiera corta a Saint-Vincent

La ex-Fera accoglierà una struttura per la produzione, trasformazione, distribuzione e commercializzazione di prodotti orticoli. La disponibilità di parcheggi e gli ottimi collegamenti stradali, collocano questo centro in una posizione vincente. L’ampia zona dedicata al commercio al dettaglio si collegherà a uno spazio di ristorazione che proporrà i piatti realizzati con i prodotti freschi in vendita nel negozio. In un edificio di nuova realizzazione saranno collocati gli uffici di produzione e marketing, gli spogliatoi, una zona di ristorazione. Il sottotetto accoglierà un’ampia e luminosa serra bioclimatica; nell’area del seminterrato è stata prevista una zona per la produzione di marmellate e prodotti correlati. Inoltre ci sarà un’area riservata per l’inscatolamento e imballaggio. I prodotti in attesa di distribuzione saranno stoccati nei magazzini situati nella parte posteriore. Saranno creati spazi comuni per riunioni, convegni, dibattiti, presentazioni e corsi di cucina. Il progetto contempla sia l’insediamento di una singola azienda sia la compresenza di molteplici. 

ch9Industria a Châtillon

Snaturare una struttura complessa e a un ottimo livello di infrastrutturazione come l’ex-Tecdis non è parso opportuno. Quindi il nuovo progetto prevede la compresenza di uffici, servizi e unità produttive, in grado di ospitare una sola o numerose aziende. La riqualificazione energetica e tecnologica degli spazi consisterà nella creazione di ampie facciate vetrate, di protezioni dalle radiazioni solari dirette e dalla rifrazione luminosa delle pavimentazioni, la copertura verde del tetto, l’installazione di un parco solare. L’area è già dotata di aree verdi e di ampi parcheggi, in grado di soddisfare le esigenze del personale e dei clienti.

 


Gli obiettivi

Dice il presidente di Vallée d’Aoste Structure, Roger Tonetti: «Dobbiamo allargare i nostri orizzonti e prendere consapevolezza che la Valle d’Aosta - e in particolare la Valle centrale - è tanto più interessante per l’insediamento di attività industriali e terziarie quanto più la tecnologia consente di insediare attività produttive in spazi che coniugano una qualità della vita elevata a un alto livello di sostenibilità, ancorché dotata di collegamenti efficaci. Dunque Verrès, Saint-Vincent e Châtillon sono al centro di un ambiente naturale, gradevole e strutturato, sono raggiunti da connessioni a banda larga e collocati lungo l’asse centrale della Valle d’Aosta, dunque facilmente e rapidamente raggiungibili. Presentarci al Mipim con tre proposte di grande impatto ci consentirà di aprirci a un mercato internazionale».

Spiega l’Amministratore delegato di Vallée d’Aoste Structure Thierry Rosset: «Abbiamo acquisito uno spazio espositivo all’interno del quale presenteremo la nostra offerta per mezzo di materiali illustrativi: una brochure e una serie di video che raccontano la Valle d’Aosta e le nostre idee progettuali. In tale contesto incontreremo le aziende potenzialmente interessate all’insediamento nella nostra regione. Riteniamo indispensabile prendere contatto con il maggior numero possibile di interlocutori, approfondendo poi i discorsi nel corso delle settimane successive alla conclusione del Mipim. La vetrina sarà dunque quella delle tre proposte innovative ma le trattative saranno aperte all’intero ventaglio della nostra offerta industriale, commerciale, artigianale e agricola».

 

Vallée d’Aoste Structure al Mipim di Cannes

Un campus-outlet a Verrès

Natura market a filiera corta a Saint-Vincent


Industria a Châtillon

facebook  twitter
2016 Struttura Valle d’Aosta S.r.l. - Vallée d’Aoste Structure S.a.r.l.. - Via Lavoratori Vittime del Col Du Mont, 28 - 11100 Aosta (AO) - tel. +39 0165 305529 - fax. +39 0165 305530
P.I. 00548440072 Codice Fiscale 03690180488
Design: ?B! Conseil - Baratti